Osservatorio conti deposito: cresce la fascia dell’importo medio | Segugio.it
LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Chi è Innofin SIM Opinioni degli Utenti News Conti Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Privacy Istituti Partner Informativa Trasparenza Confronto Conti

Osservatorio conti deposito: cresce la fascia dell’importo medio

11/09/2019

Osservatorio conti deposito: cresce la fascia dell’importo medio La fotografia del mercato dei conti deposito in questi primi mesi del 2019 è cambiata radicalmente. La scena, rispetto alla fine dello scorso anno, è dominata infatti dai conti deposito il cui importo è compreso tra 15.001 e 20mila euro, con una quota di richieste che nelle rilevazioni semestrali (al 31 agosto) è oggi pari del 46,4% del totale. Una percentuale che si confronta con la relativa stabilità che ha contraddistinto questo ‘segmento’ dal 2010 (con un’oscillazione sempre vicina alla media dell’8,6%), perché proviene da una significativa accelerazione iniziata dal secondo semestre dello scorso anno (20,4%) e proseguita in gennaio-giugno di quest’anno (35,8%). È quanto emerge dal recente Osservatorio conti deposito di ConfrontaConti.it, le cui tabelle mostrano come, contestualmente, si siano ridotte tutte le altre fasce d’importo, da quelle più basse a quelle più alte. 

In particolare l’aggregato di queste ultime, ovvero quelle con importi compresi tra 20.001 a oltre 50mila euro, sino a metà del 2018 hanno sempre rappresentato una quota saldamente sopra la soglia del 50% del totale. Invece, nel semestre a tutto agosto 2019, erano nell’ordine scivolate nell’ordine al 7,7% (dall’8,7% del periodo gennaio-giugno) quelle inferiori ai 5mila euro, al 9,7% (dal 12,7%) quelle tra 5.001 e 10mila euro, all’1,7% (dal 2%) quelle tra 10.001 e 15mila euro, al 13,3% (dal 16,5%) quelle tra 20.001 e 50mila euro e al 21,2% (dal 24,4%) quelle sopra la soglia dei 50mila euro. 

I vincolati correggono, ma restano la maggioranza

Nella scelta della forma del proprio conto gli italiani continuano a preferire i depositi vincolati, anche se nei sei mesi (dati ad agosto) la quota relativa di questa categoria è scivolata al 66,7% del totale dall’84,1% registrata in gennaio-giugno. Spesso, negli anni più recenti, la disaffezione degli investitori per i conti vincolati ha caratterizzato per fattori stagionali (e per le scadenze tecnico-fiscali) la seconda parte dell’anno. Sul loro ‘riserbo’ visto quest’anno ha comunque contribuito tutta una serie di fattori che ha spinto i risparmiatori ad avere più liquidità a disposizione: dai dubbi sull’economia nazionale e globale alla crisi di Governo, alle incertezze sui profitti (alla luce della loro volatilità) attesi dagli investimenti fatti sui mercati finanziari. Di riflesso, la quota dei conti non vincolati è tornata a salire per il secondo semestre consecutivo, più che doppiando la percentuale: al 33,3% nei sei mesi ad agosto dal 15,9% registrato in gennaio-giugno. Quota che si contrappone al 10,9% della seconda metà del 2018, che era anche il livello più basso dalla fine del 2013 (5,6% allora). 

Si riduce la durata dell’investimento

C’è dunque una stretta relazione tra meno conti vincolati e durata d’investimento più breve. Nel semestre ad agosto, per la prima volta dalla fine del 2015, la quota relativa agli investimenti con una durata di 7-12 mesi ha superato la fatidica soglia del 50%, piazzandosi al 56,2% del totale (dal 47,5% dei primi sei mesi del 2019): si tratta della percentuale più alta dalla prima parte del 2013. Guardando la tabella dell’analisi per durata d’investimento emerge che tutte le altre fasce sono arretrate: in particolare quella compresa tra 13 e 24 mesi, scesa al 15,4%, ovvero ai minimi assoluti del periodo preso in esame (fine 2010). I conti deposito, che offrono un rendimento maggiore (soprattutto per quelli vincolati) e deciso a monte, ovvero quando si stipula il contratto con la banca, restano lo strumento preferito dagli investitori maturi che, secondo l’Osservatorio, nel semestre ad agosto rappresentavano una quota del 40,4% del totale (38,3% in gennaio-giugno). Subito dietro ci sono i 41-55enni (al 37,6% dal 36,2%) e i 26-40enni (al 20,7% dal 22,8%).  

Rendimenti restano più elevati di Bot e inflazione

Per quanto riguarda i tassi d’interesse sui conti depositi, questi continuano a ‘pagare’ più degli altri strumenti d’investimento: il rendimento netto dei vincolati è di poco superiore all’1%, mentre il saggio netto dei Bot annuali è praticamente sulla soglia dello zero e l’inflazione annua gira attorno allo 0,5%. 

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita