segugio.it il super eroe del risparmio
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Chi è Innofin SIM Opinioni degli Utenti News Conti Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Privacy Istituti Partner Informativa Trasparenza Confronto Conti

Troppi soldi sul conto corrente: quando scattano i controlli

27/08/2018

Troppi soldi sul conto corrente: quando scattano i controlliNegli ultimi anni si sono intensificati i controlli sui conti correnti da parte del Fisco. Con l’introduzione dell’Anagrafe Tributaria la lotta all’evasione fiscale è diventata ancora più agguerrita, grazie in particolar modo all’abolizione del segreto bancario.

A partire dal 1° aprile 2017, l’Agenzia delle Entrate analizza tutte le informazioni disponibili legate a conti correnti ed operazioni finanziarie. Si tratta di un affinamento della strategia messa già in atto nel 2017, con l’entrata in vigore dell’obbligo per le banche di comunicare i dati relativi al saldo dei conti correnti. 

Anagrafe Tributaria: il risparmiometro

Quest’anno i controlli dell’Agenzia delle Entrate sono ancora più capillari grazie al risparmiometro, che analizza la congruità del volume dei risparmi dei contribuenti con il reddito dichiarato. Il risparmiometro incrocia i dati delle dichiarazioni dei redditi e i movimenti bancari o postali effettuati dal contribuente sul conto corrente.

Che rischi si corrono a tenere troppi soldi sul conto corrente

Molti consumatori si chiedono che cosa effettivamente sia oggetto dei controlli del fisco. Una delle preoccupazioni principali riguarda le cifre depositate sul conto, soprattutto se sono molto elevate: è sicuro tenere i propri soldi sul conto corrente o è preferibile diversificarne l’utilizzo? 

Da un punto di vista prettamente legale, si possono dormire sonni tranquilli: il Decreto Legislativo 24 marzo 2011, n.49, che ha recepito la Direttiva 2009/14/CE ha istituito il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, di cui abbiamo parlato nella news "Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi".

Come si può leggere in maniera approfondita nella voce di glossario di Segugio.it, il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (FITD) è un consorzio di diritto privato, supervisionato dalla Banca d’Italia, cui devono obbligatoriamente aderire tutte le banche italiane aventi come forma societaria la Società per Azioni, e le banche extracomunitarie che non aderiscano a sistemi di garanzia equivalenti.

Non sono incluse le banche di Credito Cooperativo, che devono però aderire al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo, regolato dalla stessa normativa e con funzioni analoghe. Il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi garantisce in caso di fallimento dell’istituto di credito fino a 100.000 euro. Azioni, obbligazioni, pronti conto termine emessi dalla banca in liquidazione coatta, non rientrano nell’oggetto della tutela offerta dal FITD.

Per gli importi eccedenti i 100.000 euro, valgono le regole entrate in vigore il 1° gennaio 2016, quando il nostro ordinamento ha recepito la Direttiva UE n° 2014/59 denominata BRRD (Bank Recovery and Resolution Directive) che prevede una serie di modifiche per la risoluzione delle crisi bancarie.

Secondo quanto previsto dalla normativa, se si dovesse verificare una crisi bancaria non sanabile in tempi brevi, la Banca d’Italia potrà intervenire vendendo una parte dell’attivo, trasferendo temporaneamente le attività e passività a una bridge bank (ossia a un veicolo costituito per proseguire le funzioni più importanti in vista di una successiva cessione sul mercato) e applicando il bail-in.

Il bail in è uno strumento che consente un intervento precoce riducendo al minimo l’impatto del dissesto sull’economia e sul sistema finanziario.

C’è un ultimo punto che va analizzato al momento dell’allocazione dei propri risparmi e riguarda l’inflazione. I tassi si stanno gradualmente rialzando e, anche se i rischi al momento sono minimi, lasciando i soldi sul conto corrente possono perdere potere d’acquisto.

L’ideale, per non correre rischi, è tenere presenti i fattori elencati e, contestualmente, analizzare le offerte sul mercato più convenienti, in termini di contenimento spese e tassi applicati. Un valido aiuto ci arriva in questi casi dai comparatori come Segugio.it, un comparatore online che, in pochi click, permette di confrontare le offerte più convenienti, richiedendo preventivi gratuiti e, se interessati, procedendo alla formalizzazione del contratto, sempre assistiti da un consulente dedicato.

Segugio.it: le migliori offerte di fine agosto per conti correnti online

Per capire la comodità e la convenienza di un comparatore online, facciamo una simulazione al 22 agosto, ipotizzando di voler aprire un conto corrente, con una giacenza media di 2000 euro ed accredito dello stipendio, per una media di 20 operazioni all’anno (quindi con bassa frequenza di utilizzo).

In questo caso l’offerta più conveniente è Hello!Money di Hello!Bank, che non prevede alcun costo di gestione, né fisso né variabile e tassi lordi fino all’1%. 

Per chi richiede l'apertura del conto entro il 27/09/2018, con accredito dello stipendio o la pensione oppure versamento di 3.000 euro sul conto, sottoscrivendo contestualmente la carta di credito Hello! Card entro il 31/01/2019, è previsto un buono Amazon da 200 euro.

A cura di: Alessia De Falco

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato
 €
Durata deposito
 Mesi
Vincolo
Ricerca filiale
Si  
 No 
OTTIENI PREVENTIVO
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo medio
 Euro
Intensità utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito stipendio
 Sì   No 
Anno di nascita