La banca? È nel telefono! | Segugio.it
segugio.it il super eroe del risparmio
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Chi è Innofin SIM Opinioni degli Utenti News Conti Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Privacy Istituti Partner Informativa Trasparenza Confronto Conti

La banca? È nel telefono!

05/01/2016

La banca? È nel telefono!

In un processo di digitalizzazione sempre più importante, le banche si spingono verso una integrazione e armonizzazione di tutte le innovazioni, al fine di fornire ai propri clienti un’esperienza d’uso facile e sicura.

Lo smartphone costituisce il mezzo più importante del cambiamento, vero e proprio strumento finanziario che diventa, a seconda delle occasioni, portamonete, carta di credito, punto vendita, denaro contante. Una quantità di soluzioni che stanno rivoluzionando abitudini e comportamenti, con un’offerta che è forse ancora disorganica, ma che presto troverà una sistematicità anche nel nostro mercato.

È stato così per Intesa Sanpaolo, che ha introdotto una soluzione di pagamento digitale sviluppata al suo interno. PayGO, realizzata da Intesa SanPaolo Group Services e Setefi, la società leader in Italia nella gestione dei sistemi di pagamento a mezzo POS, è un sistema avanzato che consente di sfruttare la tecnologia HCE (cloud-based) per pagare con il cellulare: sarà sufficiente avvicinare lo smartphone a un POS contactless (sono il 30% gli apparecchi in Italia predisposti) e una volta digitato sul telefono il PIN, attraverso un sistema NFC (Near Field Communication) si paga come con una carta di credito o di debito.

La app di Intesa Sanpaolo è disponibile per tutti gli smartphone Android ed è completamente gratuita, in quanto la banca non applica alcun costo al servizio. Il sistema di pagamento funziona anche in assenza di rete e può essere utilizzato anche per piccole operazioni più frequenti, come l’acquisto di un caffè o il pagamento del parcheggio.

In termini di sistema, questo metodo digitale ha una conseguenza sostanziale: la riduzione dei costi connessi alla circolazione e alla gestione del contante, che nel nostro Paese ammonta a circa 4,5 milioni di euro.

Ma non è tutto, perché Intesa Sanpaolo partirà presto con un ulteriore servizio che agevola il trasferimento del denaro. Si chiama JiffyPay ed è uno dei metodi di pagamento peer to peer più innovativi. Il sistema, che oggi ha già 120.000 clienti della Banca che lo usano per trasferire piccole somme di denaro nella rete degli amici o famigliari con le stesse modalità di un SMS, sarà esteso ai piccoli esercenti.

Il funzionamento di Jiffy è molto semplice: basta scegliere un contatto sul telefono, decidere l’importo e inviare. L’IBAN non serve, è sufficiente un numero di cellulare perché Jiffy è integrato con la banca e il conto corrente. La app è disponibile per cellulari Android, iPhone e Windows Phone. Anche in questo caso il Gruppo ha scelto di non tariffare il servizio con l’obiettivo di incentivare i clienti a provarlo e ad acquisirlo tra le loro abitudini.

“I pagamenti sono una delle azioni quotidiane più frequenti, quindi devono essere semplici, rapidi e sicuri. Il cliente deve poter fare operazioni, acquisti e ricevere consulenza sia attraverso il telefono sia via internet esattamente come accade in filiale. Addirittura deve poter iniziare un’operazione su un canale e terminarla su un altro”, commenta Massimo Tessitore, responsabile della Direzione Multicanalità Integrata di Intesa Sanpaolo.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
La banca? È nel telefono!Valutazione: 3/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita