segugio.it il super eroe del risparmio
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Chi è Innofin SIM Opinioni degli Utenti News Conti Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Privacy Istituti Partner Informativa Trasparenza Confronto Conti

Regole europee certe per banche impegnate su crescita e occupazione

23/06/2015

Regole europee certe per banche impegnate su crescita e occupazioneL’ABI è al lavoro per sostenere e sviluppare i lievi segnali di ripresa che l’attuale situazione economica evidenzia. Il contesto in cui opera non è agevole a causa dei continui, contrastanti e profondi cambiamenti normativi.

Il Presidente dell’ABI, Antonio Patuelli, ha affermato che l’incertezza delle norme non favorisce lo sviluppo complessivo dell’economia italiana, pertanto è urgente definire regole precise per le soglie minime di capitale delle banche in Europa.

Inoltre, servono regole uguali per tutti per non complicare l’attività di erogazione creditizia, quindi il rapporto con le imprese e le prospettive di ripresa.

Allo stesso tempo, sostiene l'ABI, occorre adeguare le strategie relative alla gestione del personale con i cambiamenti nelle aree di business e nell’organizzazione delle banche stesse.

Su questi aspetti, un risultato importante e una risposta appropriata a conciliare gli interessi di carattere professionale ed occupazionale dei lavoratori con le esigenze di stabilità ed equilibrio delle banche italiane è il recente accordo per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro.

L’accordo apre la strada ad una serie di soluzioni utili ad affrontare i cambiamenti in atto nel settore bancario relativi alla razionalizzazione dei processi produttivi, organizzativi e delle strutture distributive, all’evoluzione dei comportamenti della clientela e delle innovazioni tecnologiche.

Il decimo convegno annuale HR2015 – Banche e risorse umane dedica la sua attenzione alle nuove regole del mercato e del lavoro, alla competitività e allo sviluppo, con analisi e approfondimenti su proposte e soluzioni per spingere la ripresa. L’Associazione Bancaria Italiana dà particolare attenzione alle nuove regole e necessità occupazionali ed esprime una valutazione positiva rispetto all’introduzione del Jobs act perché ritiene che le misure siano idonee a determinare i presupposti necessari per un rilancio dell’occupazione.

Il settore bancario con il nuovo contratto, sostiene l’ABI, ha individuato soluzioni di forte valenza sociale con l'obiettivo di tutelare l’occupazione e favorire in particolare i giovani. Pertanto, nel nuovo contratto è stato definito un significativo incremento del livello retributivo di inserimento professionale; confermate le attuali modalità e misure di finanziamento del Fondo per l’occupazione (Foc) con operatività prorogata a fine 2018; innovativa, infine, un’apposita piattaforma informatica che sarà costituita per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro nell’ambito del settore bancario, con specifica attenzione alla ricollocazione del personale.

A cura di: Orsola Mallozzi

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Parole chiave: banche, abi, occupazione, crescita
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato
 €
Durata deposito
 Mesi
Vincolo
Ricerca filiale
Si  
 No 
OTTIENI PREVENTIVO
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo medio
 Euro
Intensità utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito stipendio
 Sì   No 
Anno di nascita