Fatturazione elettronica: aumenta la soglia sul contante | Segugio.it
segugio.it il super eroe del risparmio
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Chi è Innofin SIM Opinioni degli Utenti News Conti Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Privacy Istituti Partner Informativa Trasparenza Confronto Conti

Fatturazione elettronica: aumenta la soglia sul contante

04/03/2015

Fatturazione elettronica: aumenta la soglia sul contante

È di quattro anni fa l’approvazione del divieto di usare il contante per importi superiori ai mille euro: oggi l’attuale Esecutivo ha in programma di alzare tale soglia a 3 mila euro, portandola ai livelli degli altri Stati europei.

Finora si è favorito il fenomeno contrario, riducendo il tetto all’utilizzo del contante anche per i pagamenti tra privati. Era 12.500 euro nel 2008, fino a ridursi con gli anni agli attuali mille euro: unica eccezione consentita è per i pagamenti effettuati da turisti non facenti parte dell'Unione Europea, ai quali è permesso pagare in contanti fino alla cifra di 15 mila euro.

Tale misura dovrà essere contenuta nel prossimo provvedimento che disciplinerà la fatturazione elettronica: la stessa disposizione mira anche al potenziamento della tracciabilità dei pagamenti.

Il decreto riguarderà un pacchetto di norme comprendente scontrini e ricevuta digitale e fatturazione elettronica tra privati: l’entrata in vigore sarà prevista non prima della fine del prossimo anno. Il primo a idearli fu l’ex viceministro delle Finanze Vincenzo Visco (2006-2008), in carica con l’esecutivo Prodi, ma il provvedimento non venne poi portato a termine dal successivo governo.

Anche i consumatori verranno incoraggiati direttamente a usare la moneta elettronica attraverso sconti che saranno applicati in caso di pagamento effettuato con carte di credito o di debito.

La nuova norma su scontrini e ricevute dovrebbe prevedere per professionisti, commercianti e artigiani l’obbligo di trasmissione telematica giornaliera dei corrispettivi. La comunicazione potrà avvenire non solo tramite l’utilizzo dei registratori di cassa, ma anche usando strumenti mobili come smartphone e tablet: tutti i dispositivi utilizzati dovranno garantire la tutela e l’inattaccabilità dei dati trasmessi, sia per l’amministrazione che per il contribuente. La digitalizzazione permetterà anche al cittadino di poter valutare in ogni momento la propria situazione nei confronti del Fisco. Previsto un credito d’imposta di 100 euro per supportare la fase di dotazione delle nuove tecnologie: l’agevolazione non dipenderà dal numero degli strumenti adattati o acquistati.

Per quanto riguarda la e-fattura (o fatturazione elettronica tra privati), sarà disposto che siano comunicati tutti i dati relativi alle fatture emesse, rettificate e ricevute. Tutti i dati delle transazioni potranno essere incrociati con le informazioni già in possesso dell’Anagrafe Tributaria (come dichiarazioni Iva o F24). In questo modo sarà più semplice elaborare delle vere e proprie analisi di rischio sui soggetti meno adempienti.

Con la fatturazione elettronica si metteranno da parte tutte quelle misure antievasione adottate negli anni precedenti: un esempio è dato dallo spesometro, comunicazioni che i soggetti passivi di Iva devono presentare annualmente all’Agenzia delle Entrate, o dalle lettere di intento, consistenti in dichiarazioni che un esportatore abituale rilascia ai propri fornitori per poter acquistare beni e servizi senza applicazione dell'Iva.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
I conti correnti più convenienti di febbraiopubblicato il 26 febbraio 2017
Stop ai prelievi di contanti oltre i 1.000 europubblicato il 26 novembre 2016
Pagamenti in contanti: si alza il limite consentitopubblicato il 31 ottobre 2015
Italiani sotto la lente del fiscopubblicato il 27 gennaio 2015
Carte di credito: l'Ue vuole imporre un limite alle commissionipubblicato il 29 luglio 2013
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita